Martín Berasategui si unisce a Laumont come consulente gastronomico

Lo chef spagnolo con il maggior numero di stelle Michelin sostiene il progetto dell'azienda leader nella vendita di tartufo nero.

Martín Berasategui tocca il cielo con le sue mani grazie alle 12 stelle che la guida Michelin gli ha assegnato nel corso della sua carriera professionale.

Lo chef ha battuto tutti i record della Guida Rossa con la recente aggiunta alla lista di Ola de Bilbao e Fifty Seconds de Lisboa, che lo ha reso lo chef spagnolo più premiato dalla pubblicazione francese e l'unico con due ristoranti a tre stelle .

I nuovi riconoscimenti si aggiungono ai dieci che già aveva la Donostiarra: tre nella sua sede nel comune guipuzcoano di Lasarte, altri tre a Lasarte de Barcelona, ​​due ad Abama (Tenerife), uno nel ristorante Eme Be Garrote (San Sebastián). ) e un altro a Oria (Barcellona).

Questo prestigio internazionale è ciò che ha spinto l'azienda Laumont, leader nella vendita di tartufi in Spagna, a iscriverlo come consulente gastronomico, poiché solo un galattico ai fornelli può sostenere un progetto che ha come protagonista il tartufo nero, il diamante della cucina.

Martín Berasategui e Laumont condividono la passione per un lavoro ben fatto e l'impegno per l'eccellenza. Sono queste le qualità che hanno spinto lo chef ad entrare a far parte del team di un'azienda che da oltre 40 anni seleziona e pulisce a mano i migliori tartufi per soddisfare i propri clienti.

Il tartufo nero - il cui nome scientifico è Tuber Melanosporum - è una delle varietà di funghi più apprezzate dall'alta cucina. Il suo profumo potente e il sapore intenso fanno di questo prodotto un'ottima prelibatezza ambita dai palati più selezionati.

Conosciuto anche come tartufo nero del Périgord, viene raccolto da novembre a marzo in boschi di leccio situati tra i 500 ei 1.000 metri di altezza. Questo prodotto non supporta nessun tipo di cottura quindi viene utilizzato principalmente per decorare e dare un sapore caratteristico a primi piatti, insalate, ecc.


Pubblicazione più antica Pubblicazione più recente